VISITA VIRTUALE NEI GIARDINI DEL CASTELLO DI PRALORMO “MESSER TULIPANO”

Nella sede I.T. “P. Calamadrei “ di Crescentino  dell’I.I.S. G. Ferraris, come in tutte le scuole d’Italia continuano le attività di didattica a distanza.
Durante le vacanze di Pasqua agli alunni di alcune classi è stato assegnato un compito che consiste nel fare una visita virtuale nei giardini del Castello di Pralormo. A seguire è stato loro richiesto di rispondere a delle domande sul verde pubblico, stima di beni ambientali, ecc., a seconda dei contenuti della programmazione delle singole classi.
Messer Tulipano quest’anno è alla sua 21^ edizione e purtroppo l’evento è stato annullato, causa emergenza corona virus. La proprietaria, Consolata Beraudo di Pralormo, ha però deciso di fare da guida ai visitatori virtuali.  Tutte le persone che studiano e lavorano nella nostra scuola e coloro che ci seguono sulla pagina Facebook del nostro Istituto, il giorno di Pasquetta sono invitate a fare una passeggiata virtuale nel giardino dei tulipani di Pralormo!

Buona Pasqua e buona visita virtuale a tutti!

Ecco alcune immagini relative all’edizione dell’anno scorso per una piccola anticipazione.

Potete trovare tutti i video relativi a questa attività al seguente link:

https://www.youtube.com/channel/UC8CEg8870pZEu6E-TW9ByRA

Studenti a Roma in visita a Camera, Senato, Quirinale, per vivere le istituzioni come cittadini attivi

Anche quest’anno l’Istituto “Calamandrei” di Crescentino ha proposto, all’interno della sua Offerta Formativa, il viaggio di istruzione a Roma per la visita alla città ed alle sedi Istituzionali. Da anni ormai tra le attività formative, culturali ed educative riservate alle classi seconde, e’ previsto, nel curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione, il viaggio a Roma come percorso artistico- istituzionale. Gli studenti preparati con lezioni di diritto ed educazione civica, hanno visitato Camera dei Deputati, Senato della Repubblica e Quirinale. Il Parlamento, quindi,  apre le porte a studentesse, studenti, e insegnanti delle scuole e sostiene   nella formazione di cittadine e cittadini attivi e partecipi, consapevoli dei loro diritti e dei loro doveri, aiuta a diffondere i valori della Costituzione e quelli dell’integrazione europea.
Con  questi obiettivi e i temi si  sono proposti argomenti e percorsi per l’anno scolastico 2019-20, a sostegno dell’insegnamento di “Cittadinanza e Costituzione”, un Progetto che va sempre più rafforzandosi nella consapevolezza che i giovani devono conoscere la Carta Costituzionale, per crescere consapevoli e responsabili.
La collaborazione tra Parlamento, Ministero dell’Istruzione che promuove l’approfondimento e la ricerca sui princìpi della Carta costituzionale, la conoscenza delle istituzioni e la partecipazione alla vita democratica, aiuta a realizzare percorsi didattici innovativi, collegarsi più strettamente al proprio territorio.
Alla Camera dei Deputati, gli studenti, hanno incontrato alcuni deputati piemontesi, hanno assistito alla seduta in Aula ed hanno approfondito i meccanismi relativi alla formazione di una legge, alla votazione parlamentare, alla dichiarazione di voto in aula, dove, il giorno 19  febbraio, hanno ascoltato in seduta, i meccanismi di “ fiducia”.
Gli studenti hanno apprezzato, la bellezza architettonica e  delle opere artistiche, presenti nelle sedi , ma soprattutto, come loro stessi affermano, hanno apprezzato “l’approfondimento  sul sistema istituzionale italiano e i  temi collegati all’attualità politico-parlamentare”.
“ Ci siamo davvero appassionati al dibattito, abbiamo compreso l’ importanza di conoscere e comprendere i meccanismi di voto e la bellezza della democrazia del nostro Paese”.
I docenti accompagnatori prof ssa Acide, prof Ceravolo, prof Demarco, si dimostrano soddisfatti, in particolare la Prof ssa Acide, referente del progetto, sottolinea come “ trattare questi temi a scuola , attraverso la conoscenza del diritto come disciplina scolastico  e gli approfondimenti specifici, aiuta gli studenti  a mettere a confronto le conoscenze acquisite nell’ambito dell’attività didattica con l’esperienza diretta di una giornata al Senato o alla Camera dei deputati ed al Quirinale “.
I giorni romani, inoltre, sono stati l’occasione per ampliare, attraverso l’accompagnamento della guida turistica specializzata, la conoscenza della storia di Italia, tra arte, cultura, tradizioni. Anche il viaggio di istruzione e’ parte fondamentale ed integrante del percorso di crescita umana, sociale e culturale che la scuola percorre .

Gli alunni dell’indirizzo tecnologico Geometri C.A.T. e Periti Agrari del “Calamandrei” si preparano ad affrontare il mondo del lavoro.

Gli alunni delle classi 3^, 4^ e 5^ del corso Costruzioni Ambiente Territorio (ex Geometri) e 5^ del corso Gestione Ambiente Territorio (Periti agrari) della sede “P. Calamandrei” di Crescentino dell’I.I.S.  G. Ferraris, nell’ambito dei percorsi PCTO (percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento, ex Alternanza scuola lavoro), hanno incontrato alcuni liberi professionisti del Collegio Geometri di Vercelli. Sono intervenuti il Presidente del Collegio di Vercelli Geom. Gianmario Avetta, Geom. Diego Bonesso, Geom. Cesare Baroli e Geom. Fiorella Mazzucco.
I liberi professionisti hanno affrontato diverse tematiche: 1) stima dei danni alle colture dovuti ad eventi metereologici, 2) realizzazione di edifici secondo i canoni dell’efficienza energetica, 3) aggiornamento del catasto terreni, 4) regolarizzazione contributiva del periodo di praticantato e percorsi post-diploma prima dell’esame di abilitazione professionale.
Si può evidenziare come le figure professionali del “Geometra Costruzioni Ambiente e Territorio” e del “Perito agrario Gestione Ambiente e Territorio” abbiamo conoscenze tecniche tali da poter affrontare diverse attività in campo lavorativo e come, questi due titoli di studio, siano facilmente spendibili anche immediatamente nel mondo del lavoro (con un praticantato di soli 18 mesi)  oltre che dare la possibilità di accedere a qualunque percorso di studi a livello universitario (eventualmente anche specifici per i due indirizzi con lauree triennali di Geometra Laureato e Perito Agrario Laureato abilitanti all’esercizio professionale).

Progetto di Mobilità Europea Erasmus+: gli studenti della sede “P. Calamandrei” in Polonia per apicoltura e marketing

Un Viaggio in Europa: “Api sulle alpi”, da Crescentino a Zamosc (Polonia) per uno scambio di conoscenze, interessi, apprendimenti, in un contesto europeo multiculturale. Con questo obiettivo 15 studenti e 2 docenti dell’IIS “Calamandrei” di Crescentino hanno trascorso 10 giorni in Polonia grazie al Progetto dell’Unione Europea. Le opportunità per il mondo della scuola in Erasmus+ mirano a migliorare la qualità e l’efficacia dell’istruzione, al fine di permettere a tutti i cittadini di acquisire le competenze fondamentali. Il gruppo di studenti  ha visitato la scuola partner in Polonia per condividere apprendimenti e scambiare esperienze intorno ad un tema comune. L’occasione ha fornito inotlte, la possibilità di visitare la nazione polacca (Cracovia, Lublino, Varsavia…) e conoscerne storia, cultura, tradizioni.
Nello specifico gli obiettivi del progetto U.E. Erasmus+ per l’istruzione scolastica prevedono il miglioramento delle competenze, dell’apprendimento, l’ampliamento della conoscenza e la comprensione delle politiche e delle pratiche educative dei paesi europei, la creazione di interconessioni fra istruzione formale, non formale, formazione professionale e mercato del lavoro.
Gli studenti scelti con il criterio di eccellenza degli ultimi anni del biennio superiore, hanno avuto la possibilità di preparasi ed affrontare il viaggio, grazie all’approfondimento di alcune tematiche di interesse specifico lavorativo e professionale (marketing del territorio, storia contemporanea, apicultura), con lezioni specifiche presso produzioni locali (apicultrua Bretto) ed approfondimenti scolastici tematici.
Lo scambio di esperienze con la scuola polacca, le visite condotte, la conoscenza del paese dell’Unione, l’utilizzo della lingua veicolare inglese, hanno consentito di fare esperienza di formazione in un contesto extra-scolastico.
Gli studenti  che hanno partecipato allo scambio sono BOLLEA ALBERTO,  CALZAVARA ANDREA , CASARIN VANESSA , COLELLI RIANO GLORIA, CONGIU CRISTINA, CONTI GENNARO DAVIDE, DALPORTO REBECCA, FRANCO STEFANO, HASA MARCO, MORETTI VALENTINA, NARBONE CATERINA, NESCI SALVATORE, NICOLINI GIORGIA, NOVARESE ALESSIA, ZANGHI’ GIORGIA.
I progetti di cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche e per lo scambio tra scuole consentono con la realizzazione di partenariati strategici tra istituzioni europee di accrescere le competenze professionali, innovare le pratiche educative e la gestione degli istituti scolastici. I docenti accompagnatori Prof.ssa Acide Elisabetta  e Prof. Ceravolo Francesco, giudicano l’esperienza altamente formativa in un contesto di apprendimento permanente, che consente agli studenti di sperimentare le life skills e di sperimentare la propria autonomia e capacità di “muoversi nel mondo”.
 Al ritorno, attraverso la creazione della piattaforma Moodle, gli studenti documenteranno le attività, l’esperienza e proseguiranno il percorso specifico di elaborazione progettuale per la sperimentazione delle competenze europee.

Studenti ad Auschwitz per diventare fiaccole di memoria

Non una visita turistica ma un viaggio di istruzione, un viaggio per non dimenticare, per fare memoria e diventare “ fiaccole”, luci per tramandare il ricordo della storia e viverla come testimonianza etica.
Questo l’intento di docenti e studenti , quindici in totale del biennio conclusivo dell’ IIs Calamandrei di Crescentino, che accompagnati dai docenti Prof ssa Acide Elisabetta e Prof Ceravolo Francesco, si sono recati ad Auschwitz. Prima nel ghetto di Cracovia per ricordare la vita: Prima, durante e dopo la deportazione e nel campo per l’operazione “ Soluzione finale”.
Una visita condotta in silenzio, solo le parole sussurrate dalla guida, per non dimenticare, un silenzio fatto di rispetto e stretti insieme in un unico abbraccio fatto di emozioni, paure, stanchezza, ricordo. Qualche fiocco di neve accompagna il gelido vento che fa tenere le teste chine, un gesto di resistenza e di testimonianza. Un pellegrinaggio laico, una commemorazione fortemente “religiosa”, in quanto capace di muovere i sentimenti più profondi, di interrogarci sulla dismisura, su ciò che di nfinitamente abissale può celarsi nel cuore dell’uomo. La banalità del Male, la crudeltà della uomo, la difficoltà di comprendere l’inconcepibile. Senza poter mai veramente conoscere il fondo di quell’abisso: il confine sempre infinito, inattingibile, del bene e del male.

ATTIVITA’ DI RILIEVO TOPOGRAFICO PRESSO “CASCINA TORBA”

Il giorno 16 dicembre 2019 gli alunni di 4^ e 5^ del corso CAT (Costruzione, Ambiente e Territorio) e 5^ Agrari (Gestione dell’Ambiente e del territorio), della sede I.T. “P. Calamadrei “ dell’I.I.S. G. Ferraris, hanno potuto prendere parte a dei rilievi topografici presso “Cascina Torba” situata in frazione San Genuario di Crescentino.
Grazie ad un progetto di collaborazione tra il Geom. Giuseppe Alesina e l’azienda agricola dell’Agronomo Paolo Mosca, si sono voluti coinvolgere gli alunni dell’I.T. “P. Calamandrei” in un progetto di riqualificazione di quest’area umida, caratterizzata dalla presenza di risorgive o fontanili e che rientra in una zona ZPS (Zona di Protezione Speciale). Qui si possono trovare la tartaruga palustre europea o Emys Orbicularis, la farfalla Lycaena Dispar, anfibi e diversi ardeidi come l’airone cinerino, la garzetta e anche l’Ibis sacro specie invasiva non autoctona.
Il dott. Paolo Mosca sta lavorando alla riqualificazione di quest’area umida anche grazie al supporto della misura 4.4.1 del PSR (Programma di sviluppo rurale), che sostiene investimenti per tutelare l’equilibrio degli ecosistemi, le risorse naturali, il paesaggio e la biodiversità e, per questo motivo, l’intera area è stata oggetto di rilievo topografico con il coinvolgimento attivo degli studenti. 
Le attività di rilievo sono state organizzate dai liberi professionisti Geom. Carrera Marco e Geom. Ancelliero Luca, che hanno messo a disposizione degli alunni la loro strumentazione, consentendo di fare un’interessante esercitazione di rilievo GPS-RTK e utilizzo di stazione totale.
L’importanza naturalistica della zona invece è stata illustrata dai tecnici del Parco del Po Vercellese Alessandrino dove, grazie al lavoro della dott.ssa Laura Gola e del suo gruppo di lavoro, è stato effettuato un censimento dei nidi di uccelli presenti nella garzaia.Gli alunni sono stati accompagnati dai docenti di materie tecniche Donatella D’Alessandro, Laura Ponzetto e Mario Sigaudo; questa attività rientra nel progetto d’Istituto “La nostra scuola e il suo territorio” e fa parte dei “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento” (ex Alternanza scuola lavoro).
Questa bella e interessante esperienza dimostra come la Scuola, mediante la collaborazione con imprenditori e liberi professionisti, possa partecipare attivamente alla riqualificazione e valorizzazione del proprio territorio.  Gli alunni del corso di agraria stanno partecipando al progetto “A scuola di PSR” della Regione Piemonte, proseguiranno infatti questo importante percorso che li porterà ad essere parte integrante dell’idea di riqualificazione dell’area, integrando conoscenze teoriche ad aspetti pratici del mondo della progettazione e dell’utilizzo dei fondi europei del Piano di Sviluppo Rurale.

Studenti in visita a Palazzo Lascaris incontrano il Presidente del Consiglio Regionale del Piemonte

Giornata interessante e coinvolgente per gli studenti dell’ IIS Calamandrei che hanno partecipato ad una seduta del Consiglio Regionale del Piemonte ed hanno incontrato i il Presidente della Regione Piemonte dott Avv Alberto Cirio.
Essere informati sulle questioni pubbliche, sociali è una forma di cittadinanza attiva; il dibattito in aula riguardava la materia interessante dell’ edilizia sanitaria.
Attraverso l’ascolto degli interventi dell’opposizione, gli studenti hanno potuto sperimentare la bellezza della democrazia, il dibattito in aula è un momento importante  che aiuta a comprendere il sistema del compromesso  e i meccanismi che stanno alla base delle decisioni democratiche.
Attraverso la visita gli studenti, hanno discusso e riflettuto sulla costituzione  sull’importanza dei Principi  fondamentali, sulla modifica del titolo V e hanno fatto una “lezione“ interattiva ed interessante.
Le iniziative avviate, spiega la docente referente prof ssa Acide ”aiutano  gli studenti  a comprendere e riflettere sulla importanza della democrazia e della esercizio della cittadinanza . La classe partecipante ha dimostrato grande interesse verso queste attività, perché si sono sentiti partecipi della vita pubblica del loro territorio. Al ritorno in classe gli studenti lavoreranno per gruppi di lavoro in base alle tematiche affrontate e proveranno a mettere in pratica le loro conoscenze teoriche della disciplina del diritto.

Il progetto proseguira’ con le attività specifiche per permettere agli studenti di conoscere i processi decisionali che caratterizzano l’Assemblea legislativa. In questo frangente storico è sempre più importante che la scuola promuova la cultura della legalità attraverso la partecipazione a iniziative simili”.

“GREEN HOUSE”

Gli alunni del triennio del corso di Agraria, Agroalimentare, Agroindustria della sede I.T. Calamandrei, dell’I.I.S. G. Ferraris sono stati coinvolti nella realizzazione di uno “spazio” dove svolgere attività didattiche laboratoriali inclusive.
La struttura in realtà non è altro che una serra a tunnel, posizionata nel cortile della scuola, che è stata chiamata “Green house”, proprio per dare l’idea di un luogo accogliente, dove lavorare insieme rispettando regole e acquisendo manualità in attività di semina, trapianto e propagazione di piante mediante talee. Queste attività saranno svolte secondo modalità peer to peer.Gli alunni che si sono particolarmente distinti per il loro impegno sono stati: Mistura Davide, Rigolino Niccolò, Rinaldi Nicolò, Tibi Matteo per la classe terza; Bollo Giacomo, Cricca Andrea, Macrì Alessandro per la classe quinta.
Quest’attività rientra tra i “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento” (ex Alternanza scuola lavoro) in quanto, imparare a lavorare insieme in modo responsabile, osservando regole e apportando il proprio contributo personale, serve ad acquisire competenze trasversali.

Nella splendida cornice del Duomo di Casale Monferrato gli studenti conoscono ed esplorano

Il Duomo di Casale Monferrato, antichissima chiesa dedicata a Sant’ Evasio, patrono della città, è un vero e proprio gioiello dell’architettura gotico-romanico, risultato di una lunga, complessa vicenda costruttiva che dal 1108 (anno della consacrazione) si spinge fino all’800.
Gli studenti della classe 2 AFM e 3 AAA e CAT, hanno esplorato ed approfondito il percorso artistico – storico – religioso della Costruzione nella logica della conoscenza del territorio nelle sue caratteristiche e nell’approfondimento della articolo 9 della Costituzione che riconosce Essere Cittadini che conoscono il proprio territorio vuol dire essere consapevoli dell’importanza di valorizzare, promuovere, conservare ambiente e beni.
Il duomo di Casale è stato oggetto nei secoli di pesanti ristrutturazioni che ne hanno alterato la struttura romanica ma, all’interno, sono custoditi capolavori assoluti dell’arte romanica piemontese come il nartece, i mosaici e una statua lignea raffigurante il Cristo realizzata nella seconda metà del XII secolo.  Al momento della sua consacrazione nelle forme romaniche, ad opera di papa Pasquale II, il 4 gennaio 1107, la chiesa di S. Evasio aveva già alle spalle una lunga storia, che ne faceva uno dei luoghi più rappresentativi della regione; il mo­tivo stava forse nella figura stessa del santo cui era dedicata, un santo locale del quale si conservavano già allora le reliquie, una personalità il cui culto era radicato da secoli nella tradizione del popolo della regione.gli studenti accompagnati dai docenti prof ssa Acide, prof Ceravolo, prof.ssa Pavese hanno potuto ammirare il vasto ambiente rettangolare, coperto da una volta originalissima, percorsa da enormi archi a tutto sesto , che si incrociano determinando una sorta di scacchiera di nove riquadri rettango­lari, coperti con volte a crociera con o senza costoloni, o a botte. Una simile rea­lizzazione non ha paragone nell’architettura.
L’uscita, caratterizzata anche dalla Conoscenza del Territorio nelle sue eccellenze e tradizioni, ha previsto una tappa alla storica fabbrica di produzione dei famosi Krumiri, dove sapori e materie prime coniugano la produzione delle Materie prime di qualità , con le migliori tradizioni dell’ artigianato culinario piemontese. Al ritorno in classe per gli studenti , sono previsti approfondimenti legati alle discipline caratterizzanti e troveranno significativi agganci nel Percorso interdisciplinare .